ASD USMATE BASKET

Era il lontano 1969 quando un gruppo di giovanotti appassionati di pallacanestro decise di costituire una squadra e una società di basket ad Usmate: l’ASD Usmate Basket. I mezzi erano pochi: una decina di canottiere gialloblu (in onore della grande Ignis Varese), qualche pallone e tutto il resto si faceva in casa, incluso l’allenatore, che spesso era uno dei giocatori in campo.

Secondo le testimonianze raccolte, il primo coach della storia fu Roberto Redaelli detto “Rubini”  in omaggio al mitico allenatore della Simmenthal Milano.
Il primo presidente dell’ASD Usmate Basket fu invece Francesco Brambilla, rimasto in carica ininterrottamente sino al compimento del cinquantesimo compleanno della società.
Non c’era traccia, ad Usmate, di parquet né di qualcosa che somigliasse ad una palestra: Fausto Sala, Giorgio Cereda, Gigi Brioschi, Arturo Sala e soci mossero i primi passi sul ruvido campetto dell’oratorio, prima di essere costretti ad emigrare altrove pur di poter giocare.

Col passare del tempo si aggiunsero al nucleo storico altre pietre miliari della pallacanestro gialloblù come Ambrogio Cassamagnago, Silvio Motta, Marco Sala e Antonio Redaelli.

1969

Era il lontano 1969 quando un gruppo di giovanotti appassionati di pallacanestro decise di formare una squadra e una società di basket ad Usmate…

61341757_2239439416132904_3490399829878636544_n_resize
L’Usmate, che agli albori militava solo nel campionato CSI cominciò allora a partecipare ai suoi primi campionati federali, militando sempre in Prima Divisione.

Una parvenza di ufficialità la diede la sofferta costruzione, con relativo crollo e sospensione dei lavori, del nuovo palazzetto dello sport.

Si succedettero negli anni altre squadre ed altri personaggi e seguirono anni e anni in cui la pallacanestro maschile ad Usmate conobbe fortune alterne, nonostante una tradizione di buoni istruttori (Franco Passarella, Dario Pagani, Carlo Rubagotti, Marino Mannis, Gianni Pacchetti per dirne alcuni) e qualche promettente talento in erba.

Ma il vero fiore all’occhiello del basket usmatese è rappresentato dalla sezione Femminile, da sempre grande vessillo della compagine Usmatese. Il basket femminile nacque con i primi corsi di minibasket nei primi anni settanta sotto la guida del coach Sergio Fumagalli arrivando in 40 anni a contare 6000 atlete iscritte…

La nostra società è nata come dilettantistica ma ciò non toglie che ardore e agonismo abbiano sempre caratterizzato l’etica e l’approccio della pallacanestro femminile usmatese, portando il settore alla conquista di innumerevoli titoli regionali da parte delle compagini giovanili e a traguardi altrettanto prestigiosi con la squadra senior, sino a raggiungere la qualificazione al campionato di A3 al termine dei playoff della stagione 2013/14.

Anche nel conseguire questi notevoli successi la società ha sempre puntato sulla grande passione e sullo spirito di sacrificio dei propri atleti e delle proprie atlete, che grazie alla dedizione ed all’allenamento costante sono riusciti ad ottenere vittorie e riconoscimenti su realtà sportive ben più blasonate e con un potenziale economico sicuramente superiore al nostro.

L’ASD USMATE è vissuta sino ad oggi grazie all’impegno ed alla collaborazione tra dirigenti, allenatori, atleti e loro famiglie, e grazie alla dedizione di persone appassionate, tra le quali vale senza dubbio la pena menzionare il Presidente dei primi cinquant’anni Francesco Brambilla, il Presidente attualmente  in carica Fausto Sala, i signori Marco Sala, Giuseppe Baio, Gaetano Sala, Dario Pagani, Sergio Fumagalli e Camillo Fumagalli, nonché l’attuale responsabile del settore tecnico e inossidabile allenatore usmatese Marino Mannis, oltre che gli storici dirigenti/accompagnatori, Dionigi Passoni, Luigi Gagliardi, Pasquale Innecco, Bernardetta Pinamonti, Alessandro Borsa, Stefano Greppi, Giorgio Motta e Maddalena Guanella oltre all’indimenticato Franco Morelli.

 

picture.png

Ma il vero fiore all’occhiello del basket usmatese è rappresentato dalla sezione Femminile

Abbiamo puntato sulla grande passione e spirito di sacrificio dei nostri atleti

X